bg-header

Sanzioni in materia di antiriciclaggio: dal disegno originale all’applicazione concreta

blog-img
Antiriciclaggio - Blog 12/04/2018 Saev Group

Cambio di rotta sulla definizione del regime sanzionatorio definito all’Interno della Legge Antiriciclaggio (d.lgs.231/07, come modificato dal d.lgs. 90/20179) rispetto a quanto inizialmente previsto dal progetto MEF. Con espresso riferimento al contenuto ex. art. 58 d.lgs. 231/07 ,preliminarmente la bozza elaborata dal Ministero del Tesoro aveva definito che, qualora i soggetti obbligati che, con una o più azioni od omissioni avessero commesso, anche in tempi diversi, uno o più violazioni della stessa o di antiriciclaggio rischio maxi sanzioni 495x338diverse norme previste in materia di obblighi di adeguata verifica della clientela e di conservazione da cui fosse derivata, come conseguenza immediata e diretta, l’inosservanza dell’obbligo di segnalazione di operazione sospetta, sarebbe stata applicata la sanzione più grave aumentata fino al triplo. Da notare come addirittura in prima battuta lo schema iniziale dell’ordinamento prevedesse esclusivamente l’applicazione della sola “sanzione più grave”. Le nuove regole al contrario, riformate alla luce della nuova IV direttiva 90/2017, anziché sancire il regime del cumulo giuridico, prevedono l’applicazione di una sanzione pecuniaria in misura fissa, 3.000 euro in caso di violazione dell’obbligo di segnalazione da parte dei professionisti e di una sanzione amministrativa, fino a 300.00 nelle ipotesi di violazioni gravi, ripetute, sistematiche o plurime. Ovviamente le sanzioni si applicheranno a tutti i soggetti obbligati diversi da quelli disciplinati e regolati ex. art 62, cioè intermediari finanziari e bancari. Più in particolare, la misura della gravità della violazione sarà determinata sulla base di taluni particolari criteri specificatamente indicati dalla normativa: -intensità e grado dell’elemento soggettivo; -grado di collaborazione con le autorità individuate e definite dal d.lgs. 231/07 -dalla reiterazione e diffusione dei comportamenti. E’ palese che l’impianto sanzionatorio così costruito dal Legislatore abbia quale obbiettivo fondamentale quello di fungere da strumento deterrente delle violazioni, non rispettando però in toto lo spirito della normativa comunitaria e concentrando la propria attenzione e forza sanzionatoria esclusivamente sulla violazione relativa alla segnalazione di operazione sospetta senza accordare al contrario troppa considerazione agli obblighi ugualmente essenziali ed imprescindibili di conservazione e di adeguata verifica.

Potrebbe interessarti anche...

Notizie dal Blog

Eventi, Normative, Novità e Consigli dei Nostri esperti

Il 6 febbraio 2016 entrano in vigore le nuove norme in tema di depenalizzazione dei reati.
Le depenalizzazioni in materia di antiriciclaggio

Il 6 febbraio 2016 entrano in vigore le nuove norme in tema di depenalizzazione dei reati.

Le osservazioni approvate dal MEF
IV direttiva UE 849/2015 dell’CNDCEC

Le osservazioni approvate dal MEF

La nuova impostazione degli obblighi
Adeguata verifica con la IV direttiva comunitaria

La nuova impostazione degli obblighi

Novità che coinvolgono l’intera disciplina, dai reati fiscali all’introduzione del registro centrale
La Quarta Direttiva Antiriciclaggio n. 2015/849

Novità che coinvolgono l’intera disciplina, dai reati fiscali all’introduzione del registro centrale

contatto_banner.jpg

Subito in regola in due mosse...

Prendi appuntamento con un consulente SAEV direttamente presso la tua Azienda e verifica senza impegno il Tuo stato di adeguamento, oppure richiedi subito uno dei Corsi di Formazione SAEV per essere subito operativo.

Saev al Tuo fianco

Scopri tutti i Servizi Saev

I nostri consulenti sapranno seguirti in tutte le fasi dell'adeguamento e della formazione.

Orgogliosi di aver contribuito alla loro impresa

Clienti in regola. E soddisfatti.

Inoxa Logo
Cremeria Rosa Logo
Fondazione Pergolesi Spontini Logo
Elica Logo
Defendi Logo
Schiavoni Logo
Talevi Logo
ristopro Logo
Copyright © 2018 Saev. Tutti i diritti riservati. - Saev SRL - Viale Don Minzoni, 3/f 60035 Jesi (AN) IT - P.IVA 02478240423 - REA: AN - 190683
Web Marketing e Sviluppo Portale Aziendale by Crealia - Strategie Integrate Online e Offline