bg-header

Il Braccialetto elettronico per i lavoratori di Amazon - La parola al Garante per la protezione dei dati personali

blog-img
Privacy - Blog 12/04/2018 Saev Group

Grande attenzione dell’opinione pubblica ha sollevato la questione relativa alla direttiva aziendale promulgata da Amazon in cui si paventava la possibilità dell’introduzione del braccialetto elettronico per i lavoratori del colosso dell’e-commerce. Il Presidente dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, Dott. Antonello Soro, si è detto speranzoso in un’inversione di rotta della multinazionale Amazon che dovrà rimettere in discussione la propria scelta e organizzazione aziendale.

Queste le parole: “Ovviamente qualora Amazon non desistesse dalla scelta di dotare i proprio lavoratori del braccialetto elettronico, questo comporterebbe una violazione da parte di Amazon non solo delle norme poste alla base dell’ordinamento italiano (in materia di privacy e non solo) ma anche delle legislazioni di numerosi altri paesi europei che disciplinano il trattamento dei dati personali. In particolar modo, qualunque trattamento perpetrato su dati personali dei lavoratori, perché considerato legittimo deve necessariamente rispettare principi  di proporzionalità, trasparenza e di salvaguardia della dignità dell’uomo, tutti valori che l’introduzione del braccialetto elettronico violerebbe ampiamente.” 

120237584 2c7ddbc4 7b31 4685 874e 63e6c06a0494

Assurdo è pensare che il solo potere economico, il solo fatto di essere un, sebbene anche il più importante, colosso mondiale del commercio on line possa permettere ad Amazon di robotizzare l’uomo con una corrispondente progressiva limitazione della libertà dell’uomo. “Non può esserci progresso ed innovazione che non abbia alla base la soddisfazione e la dignità dell’uomo ed il braccialetto, sistema di controllo dei lavoratori, va nettamente in contrasto con le prerogative di tutela e garanzia dei dipendenti contenute all’interno della regolamentazione italiana e non.” In attesa di conoscere più approfonditamente i termini dell’intenzione di Amazon che, a sua difesa ribadisce rappresentare ad oggi solo un brevetto e comunque un aiuto anzi all’attività lavorativa in quanto utile a guidare il dipendente nella ricerca dei prodotti ordinati sugli scaffali, si segnala che la delegazione Amazon per il tramite del suo Vicepresidente Operativo Europa ha dichiarato la propria disponibilità a riprendere il confronto con le organizzazioni sindacali a livello territoriale e, per questo, non resta che sperare in un accordo tra le varie parti in gioco che garantisca e tuteli anzitutto i diritti fondamentali dei lavoratori.

 

Potrebbe interessarti anche...

Notizie dal Blog

Eventi, Normative, Novità e Consigli dei Nostri esperti

I diritti dell’interessato nella nuova informativa alla luce della nuova disciplina comunitaria
Protezione dei dati

I diritti dell’interessato nella nuova informativa alla luce della nuova disciplina comunitaria

Necessario è l'adeguamento alla nuova Normativa
La privacy non esiste

Necessario è l'adeguamento alla nuova Normativa

Consulenza e controllo assimilabile all’Organismo di vigilanza ex 231/01
Il DPO nelle P.A.

Consulenza e controllo assimilabile all’Organismo di vigilanza ex 231/01

Il working party 29 ne chiarisce i termini
Devo nominare un DPO?

Il working party 29 ne chiarisce i termini

Strumento di contrasto agli attentati terroristici
La protezione dei dati

Strumento di contrasto agli attentati terroristici

Come “blindare” il sistema informativo e garantire un corretto trattamento dei dati dei correntisti.
Banche: clienti più sicuri con il tracciamento delle operazioni

Come “blindare” il sistema informativo e garantire un corretto trattamento dei dati dei correntisti.

Le regole del garante per rispettare la privacy dei cittadini e dei dipendenti
La PA su Internet

Le regole del garante per rispettare la privacy dei cittadini e dei dipendenti

Tutto quello che l'albergatore deve sapere
Le regole Privacy per gli hotels

Tutto quello che l'albergatore deve sapere

Il regolamento, integrato dal documento, non dovrà essere così sottoposto nuovamente al parere del Garante.
Giustizia: il Garante privacy fissa le regole per la mediazione civile

Il regolamento, integrato dal documento, non dovrà essere così sottoposto nuovamente al parere del Garante.

E' stato consentito di conservare per novanta giorni le immagini registrate
Videosorveglianza e tutela aziendale

E' stato consentito di conservare per novanta giorni le immagini registrate

Rivolto a coloro che svolgono indagini sulla qualità dei servizi offerti ai cittadini
Linee guida del Garante per gli organismi sanitari

Rivolto a coloro che svolgono indagini sulla qualità dei servizi offerti ai cittadini

In data 23 Giugno 2011 ha presentato presso la sala della Lupa la relazione sul 14° anno di attività
Relazione 2011 del Garante Privacy

In data 23 Giugno 2011 ha presentato presso la sala della Lupa la relazione sul 14° anno di attività

contatto_banner.jpg

Subito in regola in due mosse...

Prendi appuntamento con un consulente SAEV direttamente presso la tua Azienda e verifica senza impegno il Tuo stato di adeguamento, oppure richiedi subito uno dei Corsi di Formazione SAEV per essere subito operativo.

Saev al Tuo fianco

Scopri tutti i Servizi Saev

I nostri consulenti sapranno seguirti in tutte le fasi dell'adeguamento e della formazione.

Orgogliosi di aver contribuito alla loro impresa

Clienti in regola. E soddisfatti.

Inoxa Logo
Cremeria Rosa Logo
Fondazione Pergolesi Spontini Logo
Elica Logo
Defendi Logo
Schiavoni Logo
Talevi Logo
ristopro Logo
Copyright © 2018 Saev. Tutti i diritti riservati. - Saev SRL - Viale Don Minzoni, 3/f 60035 Jesi (AN) IT - P.IVA 02478240423 - REA: AN - 190683
Web Marketing e Sviluppo Portale Aziendale by Crealia - Strategie Integrate Online e Offline