fertilization-4044001_12801

Autorizzazione Integrata Ambientale (A.U.A.): il regime delle modifiche

9ea481d760adcf66b7e75eef4f0ded09_w1060 h
Sicurezza Ambientale - Blog 28/11/2019 Saev Group

Una società, che produce miscele per la concimazione, proponeva ricorso al T.A.R. avverso i provvedimenti con i quali Provincia e Comune la diffidavano ad osservare tutte le prescrizioni contenute nell'A.U.A. (Autorizzazione Unica Ambientale), a seguito di sopralluogo dal quale era emerso che, nel processo produttivo, veniva utilizzato acido solforico, appositamente stoccato in un serbatoio esterno al capannone e tale prodotto ed il suo utilizzo nel processo produttivo non erano indicati nella relazione tecnica illustrativa.

L’A.U.A., come noto, è una specifica forma di autorizzazione introdotta dal D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 (in vigore dal 13 giugno 2013) per semplificare gli adempimenti amministrativi ambientali, e rilasciata dallo SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive)       

La disciplina sull’A.U.A. si applica alle piccole–medie imprese (PMI), oltre che agli impianti non soggetti alle disposizioni in materia di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA).
Il ricorrente sosteneva l'illegittimità dei provvedimenti impugnati, in quanto l'utilizzo nel ciclo produttivo di acido solforico non integrava una «modifica», da intendersi, ex 2, co. 1, lett. f) del D.P.R. n. 59/2013, come "ogni variazione al progetto, già autorizzato, realizzato o in fase di realizzazione o dell'impianto, che possa produrre effetti sull'ambiente", poiché da ciò non derivererebbe alcun impatto ambientale.

Il Giudice amministrativo, chiamato a decidere sulla controversia, sottolineava che dalla mera lettura delle disposizioni del D.P.R. n. 59/2013, emerge chiaramente come vada comunicata, da parte dei soggetti istanti l’A.U.A., ogni modifica che “possa produrre effetti sull’ambiente” e, dunque, ogni modifica relativa all’utilizzo di sostanze e di cicli di prodotto. Non rileva, ai fini dell’applicabilità della norma, che la modifica introdotta sia poi ritenuta, a seguito di concreta valutazione espletata dalle Amministrazioni competenti, non influente sull’ambiente, ma solamente il fatto che la stessa, potenzialmente, lo sia. Del resto, lasciare al giudizio del soggetto istante l’A.U.A. la ponderazione circa la rilevanza o meno di modifiche introdotte sarebbe contrario alla ratio della norma, che fa riferimento solo ad una generica possibilità di influenza sull’ambiente di ogni modifica introdotta.

Tale influenza, ai fini della tutela dell’ambiente, va intesa in senso esteso e, cioè, secondo il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Puglia, con riferimento ad ogni possibilità di modifica dello stesso.

Del resto, prosegue il Giudice, la finalità della norma è quella di sottoporre a controllo pubblico (non a caso trattasi di Autorizzazione) tutte le modifiche potenzialmente idonee a “produrre effetti sull’ambiente”, ivi inclusi anche quelli non permanenti, attesa la rilevanza dell’interesse pubblico in gioco (tutela dell’ambiente) che non può essere compresso in alcun modo né, soprattutto, demandato al mero sindacato del soggetto istante.

Il ricorso è stato, pertanto, rigettato, in quanto il giudizio sull'impatto ambientale di ogni modifica introdotta deve ricomprendere le modifiche anche solo potenzialmente idonee a produrre effetti sull'ambiente.

Potrebbe interessarti anche...

Notizie dal Blog

Eventi, Normative, Novità e Consigli dei Nostri esperti

L’obbligo di denuncia contrasta con il principio della c.d. liberta’ dalle autoincriminazioni ex art 24 co. 2 Cost?
I reati ambientali

L’obbligo di denuncia contrasta con il principio della c.d. liberta’ dalle autoincriminazioni ex art 24 co. 2 Cost?

L'Unità di Repertazione ed indagini scientifiche (URIS)
Le indagini scientifiche sull’ambiente

L'Unità di Repertazione ed indagini scientifiche (URIS)

Limiti e caratteristiche dei sottoprodotti che vanno smaltiti
I sottoprodotti non sono rifiuti

Limiti e caratteristiche dei sottoprodotti che vanno smaltiti

contatto_banner.jpg

Subito in regola in due mosse...

Prendi appuntamento con un consulente SAEV direttamente presso la tua Azienda e verifica senza impegno il Tuo stato di adeguamento, oppure richiedi subito uno dei Corsi di Formazione SAEV per essere subito operativo.

Saev al Tuo fianco

Scopri tutti i Servizi Saev

I nostri consulenti sapranno seguirti in tutte le fasi dell'adeguamento e della formazione.

Orgogliosi di aver contribuito alla loro impresa

Clienti in regola. E soddisfatti.

Inoxa Logo
Cremeria Rosa Logo
Fondazione Pergolesi Spontini Logo
Elica Logo
Defendi Logo
Schiavoni Logo
Talevi Logo
ristopro Logo
Copyright © 2020 Saev. Tutti i diritti riservati. - Saev SRL - Viale Don Minzoni, 3/f 60035 Jesi (AN) IT - P.IVA 02478240423 - REA: AN - 190683
Web Marketing e Sviluppo Portale Aziendale by Crealia - Strategie Integrate Online e Offline